About

Nato il 4 gennaio 2013 come blog di metacritica letteraria con il calviniano nome invertito de ‘Il Barone Inesistente’, questo sito, concepito più come un archivio dinamico di brani che come un blog vero e proprio, si è trasformato ne ‘L’Inesistente’ (2017) per poi confluire in ‘Holy Pulp’ (2020) e diventare il primo sito italiano di narrativa pulp.

Diretto in car sharing a un concerto degli Smashing Pumpkins, ho scoperto ‘Holy Wood’, l’album in cui Marylin Manson è ritratto nelle sembianze di Cristo (holy) in croce (wood), creando un esasperato e provocatorio contrasto con Hollywood. Quella ironia hardcore ispira anche il nome del sito Holy Pulp, in cui, a partire da elementi quotidiani apparentemente banali, si propone un nuovo modello di letteratura.

Su HolyPulp.it si celebra infatti l’umile polpa di legno (pulp) da cui negli anni ’20 iniziarono a stamparsi santissime pagine di magazine sconci, sanguinolenti, sinceri e per tutte le tasche. Il mio intento è raccontare l’imprinting di quella polpa con un sound futuristico, volutamente fuori controllo, ma che, nel rispetto delle tinte macabre della tradizione, accumula gli elementi materici più biechi della nostra mente senza soluzione di continuità, e dà loro spazio.

HolyPulp.it si articola in brevi racconti condensati in Micronarrativa e contributi di critica letteraria antiaccademica nella sezione Metacritica.


«La creatività è quella meravigliosa capacità di cogliere realtà tra loro distinte e disegnare una scintilla dalla loro giustapposizione.»

Max Ernst